Io volevo un telefono e adesso ho la plancia dell’enterprise in formato ridotto che mi ride dietro. Io volevo un taglio di capelli che mi stesse bene, fuori dai generi o sui generis come preferite, ed invece la nuca è nuda e la corona suda. Io volevo un paio di infradito da sciupare ma mi sentivo un cretino con quei pelacci sull’alluce perciò ho preso delle scarpe chiuse che non metterò neanche in Gennaio. Io volevo il rasoio tripla quadrupla lama che scivola sul viso come seta e costa una cifra che me ne compro una cassa di quelli ad una lama sola. Io volevo gli occhi azzurri ma qualcuno ha fatto passare Annibale per le Alpi, o almeno così mi dicono. Io volevo i capelli biondi ma idem come sopra e di tingerli neanche la più remota intenzione. Io volevo un lavoro serio ma siamo in Italia, bellezza. Io volevo i miei nonni vivi, ma è la vita, bellezza. Io volevo la macchina con le pattane, ma sono i ladri, bellezza. Io volevo mangiare poco ma avevo fame. Io volevo bere poco ma ero triste. Io volevo una ragazza indipendente e dolce, remissiva e dominatrice, cara e arcigna invece scrivo.

Annunci