Verrei fuori volentieri
sulla morchia affonda
l’orma che vi lasciai
l’altr’anno,
esanimi giorni
gironi di fuoco,
larghi rigidi
i digrigni.
Verrei fuori a comando
di lingue erose, croste
sulle ossa d’alberi
mi terrei appesa
pupa, nient’altro.

Annunci