C’è un altro me dietro le quinte
sbiaditosi dall’uso
pellegrino ego in soffocato astio che t’implora
c’è un altro me che ti adora mia piccola
mia dolce, mia carissima
c’è un altro me che ti terrebbe stretta
che accompagnerebbe
col palmo spiegato i tuoi voli
che stirerebbe le asperità
dei tuoi viaggi in docili linee aperte
c’è un altro me dietro le quinte
che non aspetta
che non sopporta i falsi dubbi
l’ipocrisia cattolica
la falsa caritas
c’è un altro me che di parole
non se ne fa nulla
che bada ai fatti
ma anche ad una buona
argomentazione
c’è un altro me che t’ama d’amore acceso
che vuole senza arrossire
che dice dev’esser mia.
Per quanto tu non la dia
seguiterà ad amarti,
quell’altro me.

Annunci